Conflitto di interessi nel DSM-5 Luigi Bozzini, Maria Font

Il Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders (DSM) è un sistema di classificazione dei più comuni disturbi (o disordini) mentali ed uno degli strumenti diagnostici tra i più utilizzati nella pratica clinica e nella ricerca in psichiatria. La sua finalità è di contribuire a migliorare il processo diagnostico, il trattamento, la riabilitazione e la ricerca (clinica, epidemiologica, sociale, forense, assicurativa, ecc.) nell’ambito della psicopatologia. Dalla prima versione del manuale, pubblicato dall’American Psychiatric Association (APA) nel1952, sono state predisposte altre quattro versioni, l’ultima del 2013 è la DSM-5. Malgrado la politica sui conflitti di interessi implementata dall’APA, oltre il 50% degli estensori del manuale presenta legami
finanziari con le aziende farmaceutiche.

 Leggi l’articolo completo su InfoFarma

Commenta l'articolo