Le riviste italiane dell’ISDB

Focus Farmacovigilanza | www.farmacovigilanza.eu

La rivista è stata fondata nel 1994 per iniziativa del gruppo di Farmacovigilanza della Farmacologia di Verona, quando la Farmacovigilanza in Italia era agli albori. Nel tempo si è rinnovato ampiamente ed è oggi un bollettino interregionale, (Centri Farmacovigilanza di: Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto) disseminato online in tutta Italia e anche oltre confine in versione inglese (www.pharmaco-vigilance.eu).

L’obiettivo è quello di rappresentare uno strumento utile alla pratica prescrittiva del medico, fornendo un approccio il più possibile pratico clinico sui temi attinenti la sicurezza dei farmaci a tutti gli operatori sanitari.

 InfoFarma | www.ulss20.verona.it/infofarma.html

La rivista è nata dopo la chiusura del bollettino Dialogo sui Farmaci (DsF) a fine 2012, evento che ha reso ancora più precario il panorama italiano dell’informazione indipendente sui farmaci. Il Dipartimento Farmaceutico dell’ULSS 20 di Verona ha da sempre ritenuto fondamentale impegnarsi per fornire, a medici e ad altri operatori sanitari, un’informazione qualificata ed indipendente su farmaci, prodotti diagnostici e dispositivi, al fine di orientare positivamente le scelte diagnostico-terapeutiche e promuovere prescrizioni appropriate. L’attività d’informazione è entrata a far parte dei compiti del Dipartimento Farmaceutico ben prima che una norma di legge la rendesse obbligatoria e ciò ha permesso di realizzare un bollettino riconosciuto e apprezzato a livello nazionale e internazionale. La nuova pubblicazione, InfoFarma, adotta un formato elettronico, bimestrale, pubblicamente accessibile a partire dal sito web dell’ULSS 20 e destinata principalmente agli operatori di questa azienda sanitaria.

Tra le rubriche troviamo:

  • Editoriale
  • Forum clinico, da 3 a 5 articoli attorno il farmaco (criticità delle note AIFA, evidenze sui determinati trattamenti, sulla sperimentazione, critical appraisal su metanalisi controverse, ecc)
  • Novità sulle reazioni avverse: notizie commentate sulla sicurezza dei farmaci
  • Sintesi normativa in ambito sanitario: sintesi dei principali cambiamenti normativi che riguardano i farmaci
  • Attualità in terapia: profilo sui nuovi farmaci di recente commercializzazione
  • Modifiche del prontuario: cambiamenti nella riclassificazione dei farmaci, nuovi generici in commercio e nuove indicazioni, revoche e sospensioni
  • Notizie in breve: commenti su argomenti sanitari di ambito europeo

Il lettore troverà quindi in questo bollettino una informazione puntuale e aggiornata degli aspetti più rilevanti attorno il farmaco, in particolare in ambito territoriale (novità in commercio, informazioni sulla safety, cambiamenti normativi, criticità di alcune terapie ).

Informazioni sui Farmaci | www.informazionisuifarmaci.it

È una pubblicazione bimestrale edita dal Servizio di Informazione e Documentazione Scientifica delle Farmacie Comunali Riunite (FCR) di Reggio Emilia. Si tratta della prima rivista indipendente nata in Italia. Il primo numero dato alle stampe risale, infatti, agli inizi del 1977 e da allora viene pubblicata ininterrottamente e diffusa a stampa e, dal 2000, anche online. IsF  perciò si identifica in larga misura con la storia dell’informazione pubblica e indipendente sui farmaci nel panorama editoriale italiano. È uno dei membri fondatori della International Society of Drug Bulletins (ISDB), l’associazione nata sotto l’egida dell’OMS che raggruppa tutti i bollettini indipendenti di informazione sui farmaci.
Mentre nei suoi primi anni di vita aveva un orientamento strettamente legato ai bisogni informativi dell’ospedale, nel tempo la rivista si è orientata prevalentemente verso la medicina generale. Pubblica articoli di approfondimento e revisioni di aree terapeutiche di particolare interesse, ma una delle rubriche caratterizzanti è quella che ospita i profili critici sui nuovi farmaci, mentre l’editoriale che apre ogni numero della rivista offre sempre preziosi spunti di riflessione.
La rivista non contiene pubblicità e non pubblica articoli sponsorizzati.
Il “Bollettino”, come da molti è ancora conosciuto, ha sempre cercato di fornire risposte chiare sui vari argomenti affrontati, ricercando i propri obiettivi nella vita professionale dei lettori.

È stato, ed è tuttora, un punto di riferimento importante per tutti coloro che si riconoscono su posizioni di indipendenza culturale e cercano un informazione di buona qualità sui farmaci e sulle terapie.

Pacchetti Informativi sui Farmaci | http://assr.regione.emilia-romagna.it/it/servizi/pubblicazioni/pacchetti-informativi-sui-farmaci

I “Pacchetti Informativi sui Farmaci” sono pubblicazioni sintetiche, generalmente di 8-16 pagine, con lo scopo di informare medici e farmacisti su benefici e rischi di farmaci o classi di farmaci in circostanze cliniche definite. Lettori che non abbiano una formazione specifica di tipo statistico-epidemiologico sono guidati in un percorso di lettura critica, attraverso l’analisi della validità scientifica e dell’applicabilità pratica delle informazioni provenienti da studi clinici – soprattutto studi controllati randomizzati. In particolare sono presentate le caratteristiche delle popolazioni studiate; i dati di efficacia e sicurezza in termini assoluti e non relativi; esiti di particolare rilevanza clinica; e la valutazione del valore aggiunto delle terapie studiate rispetto alla pratica clinica corrente. Le informazioni provenienti dagli studi sono inoltre valutate nel contesto delle altre conoscenze disponibili dalla letteratura (altri studi, linee-guida, editoriali) e da enti regolatori (come EMA ed FDA). L’analisi dei dati di prescrizione a livello locale e/o nazionale fornisce infine la possibilità di un confronto tra prove scientifiche e realtà prescrittiva.

I “Pacchetti” sono stati sviluppati a partire dal 2001 come materiale di supporto per incontri informativi realizzati da farmacisti delle ASL con piccoli gruppi di medici, con lo scopo di fornire un’informazione alternativa a quella delle aziende farmaceutiche, senza definire in modo “prescrittivo” delle raccomandazioni di comportamento clinico. Al di là dell’importanza del contesto di implementazione, per facilitare il trasferimento delle informazioni si è cercato di sviluppare un formato sintetico e iconografico, considerato che spesso le fonti informative tradizionali non riescono a colpire l’attenzione e a suscitare interesse.

Dal 2006 i Pacchetti Informativi sui Farmaci sono entrati a far parte dell’ISDB.

Ricerca & Pratica | www.ricercaepratica.it

Giunta alla soglia dei trent’anni (essendo stata fondata nel gennaio del 1985) è espressione dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche “Mario Negri”. La rivista è oggi arricchita da diverse collaborazioni di ricercatori afferenti ad istituti ed enti esterni all’IRCCS fondatore.  R&P vuole contribuire ad orientare i lettori sulle vere e sulle … meno vere “novità” e innovazioni della ricerca clinica, anche approfondendo argomenti di epidemiologia, statistica medica, farmacocinetica clinica, interazioni tra farmaci, economia, organizzazione ed epidemiologia sanitaria.
La rivista pone particolare attenzione all’ambito delle cure primarie, sostenendo l’impegno di chi non rinuncia a raccogliere e valutare dati con il sincero intento di capire e di migliorarsi. Obiettivo è dunque anche quello di premiare lo sforzo di guardare al di là dei soli aspetti clinici della medicina, senza però mai dimenticare che è alla clinica che i lettori dedicano la maggior parte della loro attenzione.

La volontà di R&P è quello di continuare in questa direzione, allargando ulteriormente gli spazi di attenzione alla medicina e pediatria di famiglia e ai problemi della salute e della sanità pubblica; il tutto con uno sguardo all’Europa. Un osservatorio esclusivo e autonomo che è anche un laboratorio di riflessione, valutazione e informazione attraverso strumenti come l’affidabilità e la rilevanza dei dati, l’equilibrio tra benefici e rischi e tra benefici e costi, l’indipendenza da conflitti di interesse, l’obiettivo reale di contribuire ad un miglioramento, progressivo ed equamente distribuito, del livello di salute della popolazione.

Commenta l'articolo