Giudici, regole e regulators Antonio Addis, Giuseppe Traversa

Per Martini l’accusa è stata di disastro colposo per non avere provveduto ad aggiornare i foglietti illustrativi di alcune specialità medicinali. Ma questa accusa, verosimilmente, avrebbe fin dall’inizio avuto scarso risalto, se nel contempo due o tre funzionari non fossero stati accusati di avere ricevuto regali in cambio di favori. A poco valevano il limitatissimo numero di persone coinvolte e gli addebiti concreti (una porta blindata o un settimana di albergo pagata). I giornali avevano titolato, come al solito in questi casi, che l’AIFA era tornata ai tempi di Poggiolini.

Della vicenda si è già occupato Politiche del farmaco, con un articolo di Roberto Satolli e uno precedente di Antonio Clavenna.

Leggi l’articolo completo su Ricerca&Pratica

 

Commenta l'articolo